Conoscere

Bisogna parlare della solitudine effettiva o percepita, disagio diffuso  che non ha eta’ nè particolare condizione sociale, molte volte conseguenza della mancanza di comunicazione, dell'impoverimento delle relazioni interpersonali e delle dinamiche moderne. 
Basta guardarsi attorno per rendersi conto che la solitudine ed il conseguente malessere psicofisico stanno divenendo uno dei principali disagi del secondo millennio ed è per questo che riteniamo che questa grave situazione debba essere maggiormente denunciata ,conseguentemente analizzata ed affrontata come un’importante questione di benessere e salute pubblica. 
Il Prof Lo Iacono che da vent’anni studia il fenomeno della solitudine scrive: “Il sentimento di solitudine, comportando in genere disagio, è uno dei fenomeni meno studiati e conosciuti dalla maggior parte della gente perché richiede una profonda  analisi di sé che in questa società veloce sta diventando sempre più difficile. Di solito si cerca di non fermarsi a riflettere, o si cerca continuamente di prevenire la solitudine o e/o distrarsi da essa .. Si deve comprendere invece l’importanza per ognuno di riconoscere la propria ed esserne consapevole, perché negare questo sentimento interiore è negare sé stessi ..” 
In questa sezione vorremmo quindi cercare di approfondire questo argomento ed invitare ciascuno a riflettere sulla propria o altrui solitudine  perché quando questa non è una scelta volontaria, influisce negativamente ed in modo pesante sul benessere fisico, psicologico, sul carattere  e conseguentemente sulla qualità vita.
Vorremmo inoltre riuscire ad analizzare i numerosi aspetti della solitudine: la crisi della coppia e della famiglia, l’influenza mediatica, il desiderio di emergere, la ricerca affannosa di ciò che non si ha, i ritmi dettati dalle esigenze economiche ecc. Per comprendere questo fenomeno è necessario anche considerare  l’ambiente in cui si verifica, e osservare quali possono essere i riscontri nel tessuto sociale.
Si può e si deve fare ancora molto non soltanto per eviscerare i problemi ma anche per individuare e diffondere nuovi stimoli ed efficaci strumenti perché l’individuo possa ritornare ad essere soggetto attivo nella ricerca di nuovi percorsi e possa esercitare senso critico e capacità di valutazione nel rielaborare i messaggi che la società di oggi diffonde. (G.Pirone)
La solitudine quando diventa estremamente negativa o persino pericolosa (ed è una risposta a un malessere sociale) va vista come un problema da affrontare e  risolvere grazie anche all'intervento delle istituzioni.

                                                        

  • La famiglia

    Oggi la famiglia è in forte crisi e le unioni sempre più precarie. La mancanza di tempo, di dialogo e le preoccupazioni, tolgono spesso quelle energie che dovrebbero essere destinate a rafforzare il nucleo familiare per impedire che alla fine ci si ritrovi estranei e soli proprio al suo interno (7 persone su 10 infatti s ... Continua

  • I media

    Innanzitutto va constatato che gli strumenti mediatici fanno ormai parte della vita di adulti e bambini in misura sempre crescente. Da un’indagine compiuta dal dott. Tonino Cantelmi deriva che il 70% dei bambini maschi, in età compresa fra i 6 e i 10 anni, gioca con i videogames tutti i giorni, 1-2 ore in media, con abusi che superano le 5 ore al ... Continua

  • Benessere fisico e psichico

    E' scientificamente provato che la solitudine non provoca solo disagi psicologici ma anche fisici: infatti le persone che sperimentano questo sentimento hanno più problemi di salute rispetto a coloro che non sono (o non si sentono) soli.La solitudine pu&ograv ... Continua

  • Le donne

    Le madri sole sono in numero crescente, di anno in anno. In Italia, le famiglie monoparentali sono l’11,3%, di queste l’85,5% sono composte da una donna con i suoi figli. Spesso sono costrette a crescere i figli senza l’aiuto di nessuno fin dalla nascita del bambino. Ed è proprio nella fase immediatamente successiva al parto che cominciano i probl ... Continua

  • Solitudine: conoscerla per conoscersi

     Comprendere la propria solitudine può aiutare a conoscere veramente se stessi , a capire che cosa ci aspettiamo dagli altri e dai nostri rapporti con loro, e può offrire una prospettiva nuova da cui guardare ciò che circonda..

    Il Prof. Antonio Lo Iacono che da più di vent&rs ... Continua