Matrimoni, in 10 anni mille morti per le crisi di coppia

In aumento rispetto al 2003: le donne sono le vittime più numerose. La maggior parte degli omicidi e' avvenuta con arma da fuoco.

Di crisi di coppia in Italia si muore. In dieci anni, dal 1994 al 2004, sono state 976 le morti violente collegate a separazioni, divorzi e rotture del menage matrimoniale. 

 Lo rende noto l'Osservatorio permanente dell'Associazione 'Ex', un centro on-line di assistenza per separati e divorziati che porta avanti la battaglia per la legge sull'affidamento condiviso dei figli.

 I fatti di sangue in tutto il Paese, in dieci anni, sono stati 691 e rispetto all'ultimo rilevamento, effettuato dall'associazione nel 2003, l'incremento e' stato di 53 episodi e 83 vittime.

La maggior parte degli omicidi e' avvenuta con arma da fuoco: sono stati 313 per il 45%. Seguono l'arma da taglio (94 omicidi), lo strangolamento (49 omicidi). Le donne sono le prime vittime della violenza legata a contrasti di coppia. Sono state 487, contro 331 uomini e 158 minori.Le fasce di eta' piu' coinvolta e' quella compresa fra i 31 ed i 40 anni, con 276 omicidi, seguita da quella compresa tra i 41 ed i 50, con 235 casi, ed il98,3% dei casi riguarda coppie con figli.

Fonte: l'Osservatorio dell'Associazione 'Ex'