Benessere fisico e psichico

E' scientificamente provato che la solitudine non provoca solo disagi psicologici ma anche fisici: infatti le persone che sperimentano questo sentimento hanno più problemi di salute rispetto a coloro che non sono (o non si sentono) soli.La solitudine può alterare le funzioni cardiache, i ritmi del sonno, aumentare la pressione sanguigna, intensificare gli squilibri ormonali e diminuire le difese immunitarie. Inoltre, a volte, il vuoto interiore percepito è così grande che si tenta di colmarlo abusando di farmaci, cibo, alcol, droga, sigarette o con il   lavoro e attività fisica eccessivi o con lo shopping compulsivo, ecc. 
E'
stato inoltre scoperto, grazie ad una ricerca dell’Università della California di Los Angeles, che la sofferenza prodotta da solitudine ed emarginazione coinvolge le stesse aree cerebrali del dolore fisico.

 È importante quindi comprendere che la salute fisica non può essere scissa dalla salute mentale e dal benessere sociale. Corpo, mente e relazione sono infatti i tre ingredienti del benessere e su ciò non rimangono dubbi.  Una sana salute mentale consente all’individuo di svilupparsi sul piano intellettuale ed emozionale, nella vita sociale, di studio e professionale. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito infatti la salute come "uno stato di completo benessere fisico psichico e sociale e non solo assenza di malattia o infermità.
I segnali di disagio che la mente ed il corpo inviano (soprattutto a seguito di  situazioni particolarmente difficili o stressanti) sono campanelli d’allarme che meritano sempre di essere ascoltati e non sottovalutati.
Lo scopo di una ribellione psicofisica è DARE LO STOP e mettere di fronte ad un problema, una sofferenza, una questione intima che deve essere affrontata e superata. Se per paura, debolezza o distrazione non si riesce o non si vuole affrontare e risolvere la situazione che ha generato il malessere  i “campanelli d’allarme”, pur di farsi ascoltare,suoneranno sempre più forte…Poiché dunque le tensioni emotive ed i problemi personali insoluti possono predisporre l’organismo alla malattia sarebbe auspicabile riuscire a riconoscere tempestivamente gli “eventi sentinella” ed in caso di necessità rivolgersi al proprio medico di famiglia o ad uno specialista in grado di offrire anche un supporto psicologico.

Certamente le relazioni sociali, il confronto e la condivisione di problematiche e stati d’animo, l’apertura agli altri e a nuovi e costruttivi interessi, possono predisporci ad un cambiamento, aiutarci a trovare una via d’uscita  e riacquistare quindi il benessere fisico e mentale.

 

 

 

La solitudine abbassa le difese anti-stress

Washington - La solitudine e' un attacco alle nostre difese naturali anti-stress e potrebbe essere all'origine di disturbi come ansia,aggressivita', problemi cognitivi.

Solitudine in aumento "Un danno per la salute"

Un libro descrive un fenomeno che non riguarda solo la sfera della emozioni
Secondo gli esperti, l'isolamento indebolisce l'organismo e complica la vita.Secondo le statistiche ne soffre il 20 per cento dell'umanità

Frustrazione - le strategie per vivere bene

Frustrazione significa delusione o disappunto per il mancato appagamento di un desiderio coltivato, purtroppo, invano. Sono decisamente frustranti gli ostacoli esterni (… ambiente) o interni (… atteggiamenti, convinzioni, modi di pensare, ecc.) che impediscono, in qualche modo, l’appagamento delle tensioni personali verso obiettivi coinvolgenti.

L'amicizia ti allunga la vita: la solitudine fa male come 15 sigarette al giorno

Studio dimostra che non avere rapporti sociali è più dannoso del non fare attività fisica, due volte più nocivo dell'obesità

La solitudine, un problema…di cuore

Secondo uno studio, il senso di isolamento contribuisce all’ipertensione ancor più dell’obesità.

La solitudine fa male al cuore, nel vero senso della parola.

Medicina: Australia, la solitudine favorisce le malattie del cuore

(ANSA) - SYDNEY, 17 MAR - La solitudine e la depressione causano mal di cuore nel senso letterale, non meno del fumo, del colesterolo nel sangue e della pressione alta.

Si muore più di solitudine che di fumo

Da uno studio effettuato in Gran Bretagna, su un campione di circa 10.000 partecipanti, quasi tutti giovani uomini e donne di 30 e 40 anni, sono state evidenziate notevoli differenze di morbilità, identificate tra gruppi precisi di partecipanti.

Impara ad ascoltare il tuo corpo e guarirai

A volte odi  il tuo corpo perché fa i capricci e si rifiuta di “collaborare” in realtà vuole solo inviarti dei messaggi. Capirli al volo non  è facile, ma è possibile si ti alleni a migliorare ogni giorno il dialogo con lui.

La solitudine dolorosa come un male fisico

Dolore fisico e dolore associato alla sensazione di solitudine sono uguali dal punto di vista cerebrale.

Freddo? E' colpa della solitudine

Che anima e corpo fossero intimamente vincolati non è una novità neanche per la medicina, ma un recente studio dell’Università di Toronto ha scoperto che lo sono più di quanto potessimo immaginare.

Gli amici allungano la vita - Confortano più della famiglia

Secondo un recente studio condotto in Australia presso l’Università Flinders di Adelaide, l’averne tanti ci fa vivere meglio e più lungo.Chi trova un amico trova un tesoro. Ce lo insegnano da piccoli e man mano che si cresce si diventa sempre più consapevoli della verità di queste parole.

Vivere soli fa male

La solitudine è proprio una brutta cosa: secondo una ricerca pubblicata sul 'Journal of Epidemiology and Community Health', chi vive senza un partner è soggetto a un rischio doppio di patologie cardiache, come angina e attacchi di cuore, rispetto a chi è sposato o ha una compagnia in casa.

Depressione e schizofrenia abitano in città

Il traffico, i ritmi impossibili, la solitudine dietro l’angolo, la mancanza di spazi verdi. Tutto questo rende le città delle minacce per la salute, in grado di aumentare il rischio di diventare depressi o schizofrenici.

Dolore fisico e dolore sociale sono pari

STUDIO SUGLI EFFETTI PSICOLOGICI DELLA SOFFERENZA
Studi sugli effetti psicologici della sofferenza. Nuovi scenari per la cronicità. Anche uno stress breve è dannoso.

Pensare "negativo" fa male alla memoria

Le persone depresse, ansiose o che si stressano facilmente, possono andare incontro, con il tempo, a disturbi cognitivi

Perché Eva si mangia le dita?

Eva, 19 anni, un viso magro e pallido, incorniciato da lunghi capelli biondi che sottolineano l’espressione triste degli occhi.

Quando la malattia diventa un rifugio

Se tu stai sempre male..

Certe persone, anche in giovane età, si trovano a lottare contro una cattiva salute. Non hanno nessuna malattia seria, solo tanti piccoli fastidiosi disturbi che influenzano la loro vita e le loro relazioni con gli altri.
Queste persone sembrano perseguitate dalla sfortuna: ne hanno sempre una!

Le mete irraggiungibili ci rendono fragili

È incredibile il numero di persone che dicono di soffrire di depressione. Tutti noi abbiano visto grandi attori, grandi scrittori, grandi registi, che, quando smettono di lavorare anche per un breve periodo di tempo, perdono la fiducia

Malati di lavoro - Stressati dal tempo libero

Dopo alcolismo e gioco d’azzardo ecco la dipendenza da lavoro: una patologia a tutti gli effetti. Ma anche il tempo libero può fare danni

Vita sociale e poca rabbia tengono lontano il rischio di demenza

Ricerca svedese: Vita sociale e poca rabbia tengono lontano il rischio di demenza. Un'indagine su oltre 500 anziani indica che questi fattori possono proteggere dal declino cognitivo

Dimmi che fumatore sei e ti dirò come smettere

C'è chi con la sigaretta si consola e chi la ostenta.Chi la usa per infrangere le regole e chi per sfuggire anche la solitudine.
Per smettere, dunque, è importante capire perchè si è accesa la prima .

Lo sballo dei nonni: 2,5 milioni a rischio abuso alcol, farmaci e droghe - Bisogna prevenire!

Anche i nonni amano lo sballo. Spesso soli, con problemi di salute e difficoltà economiche, si rifugiano nella bottiglia, nei farmaci che leniscono l'ansia e anche nelle droghe come la cocaina. Ben 2,5 milioni di 'over 65' italiani sono a rischio abuso di alcolici, medicinali e sostanze illegali. In aumento del 10% rispetto a un anno fa, con una stima di crescita di un terzo entro dieci anni.

Solitudine e rischio di Alzheimer

Le persone [dello studio] che si definivano solitarie avevano il doppio delle probabilità di sviluppare demenza", spiega il ricercatore Robert Wilson del Rush Medical Center dell'Università di Chicago
La ricerca suggerisce che le persone sole hanno un maggior rischio di sviluppare demenza.
Gli anziani che hanno ottenuto i risultati più alti sui quiz della solitudine concordavano con tre o più dei seguenti scenari:

Psiche: un bagno caldo per combattere la solitudine

Se ci si sente soli la soluzione migliore è quella di immergersi in una vasca di acqua calda. Un bel bagno caldo può infatti sostituire un amico, combattendo la sensazione di isolamento e solitudine.

Lo studio, solitudine fa male al cuore di lui

La solitudine fa male al cuore. Gli uomini che hanno pochi amici, fanno poca vita sociale e non mantengono nemmeno i rapporti con i familiari, hanno maggiori quantità, nel sangue, di una molecola 'spia' di infiammazione e di maggior rischio cardiaco.

La solitudine e i farmaci (negli anziani ma non solo)

 
Gli anziani soli chiedono spesso un aiuto sanitario, e il farmaco diventa allora il simbolo di questo aiuto.

La solitudine provoca ipertensione negli anziani

La solitudine causa aumento di pressione del sangue negli anziani anche di 30 punti, che fanno la differenza tra un individuo normoteso (120 millimetri di mercurio come massima) e uno iperteso (150 millimetri di mercurio).